Cara è la fine...ci annusano ormai,sentono il lezzo del panico che spruzza in freddi sudori il terrore che c'è.Non glieli daremo per ungersi dei nostri mali stillanti le mani avide:che ci tocchino morti, secchi e gelidi.Oh, non piangere,urla piuttosto e lasciamo di noi un ricordo toccante.Stringiti a me,ringhiagli addosso e poi sparami mentre io sparo a te.Dieci pistole spianate e dieci sguardi ruvidi e tesi che puntano qui dentro l'auto, e la corsa finisce così. Cara è la fine...perdonami.Oh, non piangere,urla piuttosto e lasciamo di noi un ricordo toccante. Stringiti a me,ringhiagli addosso e poi sparami mentre io sparo a te. Ci vogliono vivi e colpevoli...ma che vita è una cella? Avremo di più:quella stella che un giorno mi donasti, lassù.Oh, non piangere...

giovedì 21 maggio 2009

Berluscor III modello "Vado... non vado"

Nella notte, a Palazzo Grazioli, frenetico via vai di tecnici e visagisti
Silvio Banana comincia a farsela addosso
Bonaiuti: "Niente allarmismi, situazione critica, ma per fortuna c'è il Pd"
nella foto REUTERS - PERVERT il Presidente del Consiglio
mostra con fierezza il diametro della propria cavità anale

Dopo la pubblicazione delle motivazioni della sentenza Mills (condanna in primo grado per l'avvocato inglese e sospensione di giudizio per il premier grazie al Lodo "Angelino Jolie"), il cavalier Corruttoni sembrava essere diventato - quasi - un uomo di Stato vero (di quelli che si vedono governare nei paesi civili): "Rifeririò alle camere" disse ieri inviperito. Come al solito, nel giro di 24 ore la musica cambia. "Riferire alle camere? Col cazzo proprio" si affrettano a commentare i servi dell'imperatore.

Il Tiranno comincia a sudare, il cerone cola e macchia la camicia (che - guarda un po' - è sempre più nera). Aumenta la percentuale di umidità anche a livello lombare, per non parlare delle questione "mutande". Dai fasti velineschi degli anni passati, oggi nessuno più si avvicina ai bassi fondi del "basso tonto". Oggi, le mutande del sovrano corruttore sono a costante rischio alluvionale. Bertolaso avrebbe già inviato una squadra di trenta uomini rana muniti di pannoloni Pampers e salviette umidificate per intervenire in caso d'emergenza. Sono state mobilitate più di 500 badanti svedesi ingaggiate direttamente dal "Crazy Horse" (solo il meglio per sua "lesa maestà"). Il costo dell'operazione verrà coperto dai fondi stanziati per la ricostruzione dell'Abruzzo.

Essendo maestro riconosciuto di incapacità politica, Silvio vacilla. Il pover'uomo non regge lo stress, troppe cose tutte insieme: Veronica, Veline, lo show abruzzese che non basta più, il dolore che comincia a diventare rabbia. Silvio non ce la fa. Non è in grado di reggere il contraddittorio nemmeno con Vespa figuriamoci con l'intero Parlamento (per non parlare dei trerremotati inkazzati).

"Brutto trip - direbbe il buon vecchio Drugo - proprio un brutto Trip". Le ultime vicende "famigliar-gossippar-giudiziarie" lo costringono a tenersi moderatamente alla larga dalla ribalta mediatica, almeno fino a quando non sarà pronto il prossimo copione da recitare al pubblico-paese di spettatori-elettori. Quello presentato poco tempo fa al teatrino di Bruno Lambretta (autori: Niccolò "Obiezione" Ghedini - Paolo "Uomo Talpa" Bonaiuti) non era proprio all'altezza: Trama debole, poco credibile, personaggi solo abbozzati, ritmo decisamente scarso... (voto: 5).

«Ha bisogno di essere circondato da gente che gli dimostri il proprio affetto, altrimenti cade in depressione» avrebbe confidato qualche annetto fa, ad alcuni giornalisti, l'onorevole Stefano Saglia (An, futuro sottosegretario all'Economia al posto dell'attuale Daniele Molgora, candidato fantasma a Presidente dell'inutile Provincia di Brescia). Significa che è pazzo? Eppure Silvio ha una speranza. Si chiama Partito Democratico.


Il centrosinistra italiano è riuscito a resuscitarlo già per tre volte (nemmeno fosse Lazzaro o peggio ancora, Veltroni, nella foto sopra durante una visita psichiatrica...). Anche questa volta il Pd fa il gioco del dittatore (che è di nuovo politicamente agonizzante). "Il premier stia alla larga dal parlamento" ha detto Franceschini evidentemente preoccupato (come Silvio) dell'intervento di Di Pietro che potrebbe rubare altri voti al Pd già scricchiolante. «Dall’inizio della legislatura», argomenta il segretario democratico, «Berlusconi non ha mai trovato un minuto per parlare in Aula dei problemi degli italiani. Adesso intende venire per autoassolversi e per sollevare un polverone politico».

Se avessimo una classe dirigente minimamente autonoma e dotata di palle (ne basterebbe anche una sola) sarebbe già stato invocato l'impeachment (l'unica a pronunciarsi in merito è stata Debora Serracchiani...).

Purtroppo non riusciamo a capire: Clinton è stato processato per aver mentito su un pompino? Il nostro sovrano è il terzo produttore mondiale di balle, non pare difficile trovare appigli in tal senso. Serve un esempio? Eccolo: "Ho conosciuto il signor Letizia ai tempi del Psi, quando era autista di Bettino Craxi" disse Brufoloni. Dalle pagine del "Times" (noto giornale Trozkista) Benedetto Letizia smentisce di essere stato l’autista di Craxi. Risultao? Ennesima Bugia. Servono altri esempi?

La strategia è quella di sempre (quella vincente...): non demonizziamo Berluscor.

Così invece si legge sulle pagine de La Stampa "Berlusconi parlerà d’ora in poi tutti i giorni (TUTTI I GIORNI????? ndC), ma di terremoto, di banche, di grandi opere. S’inventerà qualcosa perfino sabato, quando solitamente vola in Sardegna, magari una conferenza stampa. Motivare la retromarcia non è difficile: «Agenda piena», mette le mani avanti l’avvocato Ghedini, «molteplici impegni che, ovviamente, non possono essere rinviati...». Verso sera Berlusconi fa diffondere dall’ufficio stampa il testo di una sua vecchia autodifesa (settembre 2008!!!!!!!!!!!!!!!) pubblicata nell’ultimo libro del solito Vespa. E' un modo per far sapere che sul caso Mills si ritiene vittima di una macchinazione, e che sul giudice Gandus («Un mio nemico politico, militante dell’estrema sinistra») in 8 mesi non ha cambiato parere. Anzi, ne pensa il peggio possibile".


E così siamo fermi
al settembre 2008? O era 1938?
Aiuto... c'è qualcuno lì fuori
disposto ad invaderci?

22 commenti:

Spallelargheoni ha detto...

Sembra abbia comunque avuto modo di sfogarsi...

ocio ha detto...

DA IERI SIAMO
IN PIENO REGIME. FARANNO IN MODO DI CHIUDERE
FACEBOOK.......!!!!!!!

L’attacco finale alla democrazia è iniziato! Berlusconi e i suoi
sferrano il
colpo definitivo alla libertà della rete internet per
metterla sotto
controllo. Ieri nel voto finale al Senato che ha
approvato il cosiddetto
pacchetto sicurezza (disegno di legge 733), tra
gli altri provvedimenti
scellerati come l’obbligo di denuncia per i
medici dei pazienti che sono
immigrati clandestini e la schedatura dei
senta tetto, con un emendamento
del senatore Gianpiero D’Alia (UDC), è
stato introdotto l‘articolo 50-bis,
“Repressione di attività di
apologia o istigazione a delinquere compiuta a
mezzo internet“. Il
testo la prossima settimana approderà alla Camera. E nel
testo
approdato alla Camera l’articolo è diventato il nr. 60.

Anche se il
senatore Gianpiero D’Alia (UDC) non fa parte della maggioranza
al
Governo, questo la dice lunga sulla trasversalità del disegno
liberticida
della “Casta” che non vuole scollarsi dal potere.

In
pratica se un qualunque cittadino che magari scrive un blog dovesse
invitare a disobbedire a una legge che ritiene ingiusta, i provider
dovranno
bloccarlo. Questo provvedimento può obbligare i provider a
oscurare un sito
ovunque si trovi, anche se all’estero. Il Ministro
dell’interno, in seguito
a comunicazione dell’autorità giudiziaria, può
disporre con proprio decreto
l’interruzione della attività del blogger,
ordinando ai fornitori di
connettività alla rete internet di utilizzare
gli appositi strumenti di
filtraggio necessari a tal fine. L’attività
di filtraggio imposta dovrebbe
avvenire entro il termine di 24 ore. La
violazione di tale obbligo comporta
una sanzione amministrativa
pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000 per i
provider e il carcere
per i blogger da 1 a 5 anni per l’istigazione a
delinquere e per l’
apologia di reato, da 6 mesi a 5 anni per l’istigazione
alla
disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all’odio fra le classi
sociali. Immaginate come potrebbero essere ripuliti i motori di ricerca
da
tutti i link scomodi per la Casta con questa legge?

Si stanno
dotando delle armi per bloccare in Italia Facebook, Youtube, il
blog di
Beppe Grillo e tutta l’informazione libera che viaggia in rete e che
nel nostro Paese è ormai l’unica fonte informativa non censurata. Vi
ricordo
che il nostro è l’unico Paese al mondo, dove una media company,
Mediaset, ha
chiesto 500 milioni di risarcimento a YouTube. Vi rendete
conto? Quindi il
Governo interviene per l’ennesima volta, in una
materia che vede un’impresa
del presidente del Consiglio in conflitto
giudiziario e d’interessi.

Dopo la proposta di legge Cassinelli e l’
istituzione di una commissione
contro la pirateria digitale e
multimediale che tra poco meno di 60 giorni
dovrà presentare al
Parlamento un testo di legge su questa materia, questo
emendamento al “
pacchetto sicurezza” di fatto rende esplicito il progetto
del Governo
di “normalizzare” il fenomeno che intorno ad internet sta
facendo
crescere un sistema di relazioni e informazioni sempre più capillari
che non si riesce a dominare.

Obama ha vinto le elezioni grazie ad
internet? Chi non può farlo pensa bene
di censurarlo e di far diventare
l’Italia come la Cina e la Birmania.

Oggi gli unici media che hanno
fatto rimbalzare questa notizia sono stati
Beppe Grillo dalle colonne
del suo blog e la rivista specializzata Punto
Informatico(http://punto-
informatico.it/). Fate girare questa notizia il più
possibile. E’ ora
di svegliare le coscienze addormentate degli italiani. E’
in gioco
davvero la democrazia!

MDC ha detto...

In risposta alla segnalazione qui sopra:


SILVIO, D'ALIA O CHI ALTRO

LEGGETE BENE PERCHE' IL MESSAGGIO E' SEMPLICE E CHIARO:


ANDATE A PRENDERLO IN CULO

da ieri 'sti coioni!!! ha detto...

caro Ocio non ho avuto voglia ne tempo ne animo di leggere tutto ciò che dice il tuo commento voglio solo darti il benvenuto nella merda...o se non ti piace...nell'acqua calda...in questo merdoso paese di beoti che dimenticano il passato e la storia alla stessa velocità con cui il PDC (presidente del cons) smentisce ogni sua frase, sono almeno 15 anni buoni che sta finendo la democrazia o è finita la democrazia senza bisogno di andare a scomodare i cinesi o i birmani...per una volta prova a scomodare gli italiani che da 15 anni a questa parte stanno dando in mano la Storia la dignita la democrazia e la repubblica a questi dittatorucoli del cazzo! e scusa tanto ma ci mancherbbe anche che la gente cominciasse ad alzare il culo per un immane stronzata quale è facebook...con immutata stima apri gli occhi

rsk dalla Magna Grecia ha detto...

ok il fegato marcio me lo faccio io e basta, sbraito mi incazzo annaspo nella merda intorno a me ma non faccio niente per cambiare le cose...ogni tre per due ne salta fuori una che sposta il confine e il limite del "sopportabile" sempre più in là sempre più in là..in questi ultimi anni ho cercato con pacatezza e responsabilità di portare avanti le mie ragioni o magari utopie con serenità, con la testa alta e sulle spalle...cercando il confronto o il dialogo. Ma gli anni sono passati e dalle piazze o dai salotti o dagli spazi d'incontro dove trovarsi e dialogare era lecito e positivo si è passati poco a poco al nulla...e dal nulla all'oblio totale.
Siamo vuote scatole non pensanti, dementi di fronte agli eventi catastrofici di questo nostro schifoso paese, perchè abitato da schifosi cittadini...che prima se ne sono cominciati a fregare di essere animali poltici poi cittadini e adesso pure esseri umani...vomitare, cacare, sborrare, ruttare sputare pisciare stare in piedi seduti sdraiati in ginocchio aprire la bocca ede emettere suoni...cacofonici senza senso senza significato. Oggi questo è quanto...in un paese normale adesso sarebbe ora di incazzarsi e andare a Cologno Monzese, la dove tutto ebbe inizio, e dare fuoco a baracca e burattini...dargli fuoco cazzo!!!

e invece...la storia no si ripete mai allo stesso modo...ma questi tristi giorni ricorderanno a chi li ha vissuti gli anni bui dell'inizio del Ventennio...e poi vedremo quando arriverà la primavera...affanculo!!!

Claudia Fusani ha detto...

Il delitto perfetto esiste. Basta avere molta fortuna. Oppure essere molto abili nel cancellare scientificamente ogni prova e ogni indizio. Non solo quelli lasciati sulla scena del delitto ma anche ogni collegamento o riferimento possibile. Ecco, la vicenda giudiziaria del premier Silvio Berlusconi assomiglia molto al tentativo lucido, costante, scientificio di cancellare ogni prova e indizio. Una bonifica a prova di Ris. O di Csi.

chi? come? quando? ha detto...

La sera del 19 novembre 2008 il presidente del Consiglio, nella splendida cornice romana di Villa Madama, ha ricevuto i più bei nomi dell'imprenditoria del Paese, per una cena ufficiale tra il governo e le grandi firme del Made in Italy. Almeno una sessantina gli invitati, che il premier ha intrattenuto insieme a diversi ministri, da Letta a Tremonti, da Bondi a Fitto. Al suo tavolo da otto, al centro del salone, insieme a stilisti di spicco come Santo Versace e la moglie, Leonardo Ferragamo e la sorella Giovanna, Paolo Zegna e Laudomia Pucci, il Cavaliere ospitava "una splendida ragazza", secondo il racconto di chi c'era. Capelli castano chiari, vestito in lamè. Molto giovane, molto avvenente, sconosciuta a tutti. Berlusconi, secondo la testimonianza di un industriale che ha partecipato all'evento, l'ha presentata ai commensali come "Noemi Letizia, figlia di carissimi amici di Napoli. Sta facendo uno stage - ha aggiunto il premier - ed è qui per conoscere i grandi protagonisti del mondo della moda".

jEBEDIAH sPRINGFIELD ha detto...

in due fanno 4 coglioni fumanti...
e sono già 4...

mancano i coglioni di 59 999 998 persone (neonati compresi)

ITALIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

DOVE CAZZO SEI FINITA????

Noemi Letizia ha detto...

e va beh ... Papi mi porta in giro, mi fa conoscere le grndi firme della moda. Fuori la gente muoree di stenti, ma a Papi non importa una beneamata sega della genete, vuole solo i loro voti per cambiare le leggi e non finire in galera.

Io vogliobene a Papi e anche lui se ne vuole...

Kurtz ha detto...

E' giunto il momento di fare capolino, senza dubbio. Facendo conto sul fatto che tecnicamente tutti i nodi verranno al pettine, sarebbe proprio il caso che il PDC riferisse in parlamento, come promesso. Gradualmente le quinte cambiano, il Parlamento cede il passo all'Abruzzo, alle scalinate degli edifici di amministrazione, agli studi televisivi. Riportiamo l'attenzione su cose che non devono essere scontate. Che parli lui per sua bocca, e non tramite terzi.

Lee Scratch Perry ha detto...

Sì, però visto che regime dev' essere almeno facciamo anche elezioni pilotate, o caratterizzate da immani violenze, o non facciamo elezioni del tutto.

Non che la gente può votare quel cazzo che vuole, arriva lì tutta sorridente, e, nel segreto della cabina elettorale, mette la X su "papi"...

E un po' di dignità, ecchecazzo!

Bilderberg Group??!? ha detto...

Dimenticando per un attimo nani, veline e contronani.
Veniamo ai giganti.

Cosa si sono incontrati a fare la settimana scorsa, in Grecia, i vertici dell'amministrazione Usa, il grande banchiere David Rockefeller, i dirigenti della Federal Reserve, di Credit Suisse e della Rothschild Europe (il vice presidente Franco Bernabè), delle compagnie petrolifere Shell, Bp e Eni (Paolo Scaroni), della Coca Cola, della Philips, della Unilever, di Time Warner, di AoL, della Tyssen-Krupp, della Fiat (il vicepresidente John Elkann), rappresentanti della Nato, dell'Onu, della Banca Mondiale e della Ue, i direttori e corrispondenti del Times di Londra, del Wall Street Journal, del Financial Times, dell'International Herald Tribune, di Le Figarò, del Globe and Mail, del Die Zeit, economisti (tra cui Giulio Tremonti e Mario Monti) e molti ministri dei governi occidentali (Tommaso Padoa-Schioppa)?

Perchè se c' è un G8 succede il finimondo e invece non avevo mai sentito parlare di questo "Bilderberg Group"?

Mi si conceda anche una nota polemica a chiudere: dov' era invece, la settimana scorsa, il grande movimento?
Perchè al G8 sì e non allora anche qui?

Mai le evoluzioni dai nani ci distraggano dal tener sempre d' occhio gli inquietanti passi dei giganti.

L.S.P.

Jebediah Wilson ha detto...

Vero che le danze del nano èpossono distrarre da problemi di più ampia portata, fratello Perry, ma ormai il problema non è più solo il nano bagonghi,. è l'effetto. Il Bagonghismo dilaga e la gente che cazzo fa? NIENTE.

Nessuno fa nulla, il debito pubblico schizza, la cassa integrazione schizza, i soldi finiranno e la merda brinda a champagne con le sue puttanelle. Poi ogni tanto va in Abruzzo. Ed ecco che scatta il monotema.

Lee Scratch Perry ha detto...

Non parlavo di murodicani, Jabediah Wilson.

Mi riferivo al fatto che vengo a sapere di questo Coca Cola Party dal mio spacciatore di acciaio (per le ben note ragioni che tu sai, anzi ti comunico che la costruzione del grande robot-trota è ormai quasi ultimata) anzichè leggerlo su quegli ormai inutili pacchi di carta bianchi e neri che spacciano le edicole e che neanche son buoni da fumare.

E la vera ragione, come ben potrai immaginare, della mia rabbia è che, per quanto riconosciuta mente eccelsa dell' ecogeopolitica cosmica, nessuno si sia sognato di chiamarmi.
Bastardi.

Giovanni Murodegani ha detto...

Buongiorno,
me chiamo Giovanni Murodegani, sò capitato su questo sito cercando con gugol:
"Giovanni Murodegani te amo Tania"

E nniente...visto che sò qqua, volevo solo dì, che c' avete raggione: sò tutti 'na manica de stronzi!
Ed anzi a tal proposito volevo lancià anche qqua 'n'appello mio, che amme, me sta proprio molto a ccuore.
Dovemo protestà contro 'sta mmerda, me pare...
Ar chè propongo: 'na settimana de bardoria totale generalizzata cosmopolita per mandà tutto a scatafscio, compreso 'sto governo de stronzi zozzi.
Der tipo proprio che uno te fa:
"Aò, ma che stai fa?"
E tu glie fai:
"Sto a ffa bardoria! E allora? Sto a ffa bardoria!"

Perchè, ricordateve: solo questo oggi ce pò sarvà:
'A BARDORIA!

Jeb 'E Dia Uilson ha detto...

X L.S.P.


Sono una manica di stronzi ricorda che sulle fiancate del Robot Trota ci stanno come il cacio sui maccheroni gli adesivi dei saddamned.

A questo proposito vorrei ricordare ai numerosi fans che domani sabato 23 maggio il gruppo più fico della barricata est si trova ancora a Manerba a casa dell'ottimo Mino per spaccare culi come d'abitudine. Forse. Se tutto va per il verso giusto.

numero 37... Botticini
numero 42... Gastaldello
numero 9... Picerno
numero 4...De Florenzis
numero 8...Magri
numero 17...Colaiutti

Grazie

Deborah ha detto...

Ma si può venire? E' festa libera?

Posso portare anche le mie amichette micette?

Bacini,

Deborah

X Bildeberg ha detto...

CAro LSP perchè non si sa questo perchè non si sa quello ti sei fatto la domanda e immagino che ti sei già dato la risposta...per quanto incredibile a credersi in questo paese non si sa più niente di niente...quello che dice la Tv di Stato cioè le sue TV tutte quanti è la verità assoluta...dormite! non è successo niente...

rsk dalla Magna Grecia ha detto...

La puttana di tutti...ovviamente parlo dell'italia...eh si perchè stando qui nella Magna Grecia si scopre come questo povero suolo italico che dal 1860 in poi diventa nazione e paese...sia stato per cosi dire di tutti e di nessuno nei secoli dei secoli...monarchi, imperatori, dittatori...interessante amico cazzo, amico...scusate ma non ho la televisione qualcuno di voi mi sa dire che cosa ha detto il corruttore (di avvocati e di minorenni) in PArlamento? non perchè su internet, non c'è traccia...

il Lodo Servi ha detto...

ecco un'altro servo buono per la rubrica servi

sciopero ha detto...

mediaset in sciopero...vedrete che adesso la bruciano...dai dai

Lee Scratch Perry ha detto...

O Mediaset brucierà loro.